Italiano
 
English

PAGINA IN AGGIORNAMENTO!!!

INTERVENTI E SERVIZI EDUCATIVO-ASSISTENZIALI E PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO


Cosa sono:
sono percorsi di avvicinamento o riavvicinamento al lavoro per persone che non riescono a farlo in autonomia e attraverso i quali gli operatori del Servizio Sociale dei Comuni  intendono:
- far acquisire competenze spendibili nel mercato del lavoro;
- aumentare le opportunità di assunzione nei contesti lavorativi;
- facilitare il raggiungimento di obiettivi di autonomia.
Cosa offrono:
- informazioni sulle opportunità formative e di lavoro del territorio;
- percorsi educativi, borse sociali e tirocini, con valenza formativa e abilitante, presso Aziende, Artigiani, Commercianti o Cooperative;
- progetti di inclusione sociale per coloro che pur non presentando la possibilità di inserimento nel mercato competitivo e nemmeno nel mercato protetto, possono sostenere attività di utilità sociale.
A chi si rivolgono: sono offerti a persone che si trovano in condizioni di eccessiva distanza dal mercato del lavoro e non riescono a produrre reddito per se stessi.
Come si accede: mediante domanda presso il Servizio Sociale Territoriale del Comune di residenza, con conseguente valutazione da parte del Servizio dell’opportunità e appropriatezza dell’intervento.
Quanto costano: i servizi sono gratuiti.

INTERVENTI E SERVIZI EDUCATIVO-ASSISTENZIALI E PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DEI GIOVANI


Cosa sono:
percorsi di accompagnamento per giovani adulti volti al sostegno educativo nella sfera occupazionale/lavorativa;
Cosa offrono: percorsi finalizzati al sostegno e all'implementazione dell’insieme di abilità e competenze necessarie per accedere gradualmente in modo autonomo al mondo del lavoro (individuazione delle proprie propensioni, assunzione di responsabilità, auto-organizzazione, valutazione realistica delle proprie abilità e dei propri limiti..);
A chi si rivolgono: ai giovani adulti con meno di 25 anni residenti sul territorio dell'ex Ambito 6.1;
Come si accede: mediante domanda presso il Servizio Sociale Territoriale del Comune di residenza, con conseguente valutazione da parte del Servizio dell’opportunità e appropriatezza dell’intervento;
Quanto costano: i servizi sono gratuiti.

MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

 

Reddito di Inclusione (REI) 

Dal 1° gennaio 2018 il REI ha sostituito il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione). 

 

Cos'è: è una misura nazionale di contrasto alla povertà dal carattere universale

Cosa offre: la misura si compone di due parti:

  1. un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI);
  2. un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune.

A chi si rivolge: Il REI nel 2018 viene erogato alle famiglie in possesso dei requisiti previsti dal D.Lgs. 147/2017 > per maggiori informazioni

Come si accede: La domanda può essere presentata presso le Unità Operative Territoriali del Servizio Sociale dei Comuni  > vai a Sedi e contatti dove viene offerta assistenza per la compilazione del modulo di domanda e vengono fornite informazioni, consulenza e orientamento sulla rete integrata degli interventi e dei servizi sociali.

Quanto costa: il servizio è gratuito. 

 > per maggiori informazioni vai al sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Misura di inclusione attiva e di sostegno al reddito (MIA)

Cos'è: è una misura regionale di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un beneficio economico alle famiglie o ai singoli in condizioni economiche disagiate. 

Cosa offre: per godere del beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, sostenuto da una rete integrata di interventi, individuata e coordinata dal Servizio Sociale dei Comuni (comprendente i Centri Per l'Impiego, i Servizi Sanitari, le scuole, i soggetti del terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità). Il progetto viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni e coinvolge tutti i componenti, instaurando un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità ed impegni.

A chi si rivolge: possono accedere alla misura i cittadini italiani o comunitari o loro familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero i cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, residenti in FVG da almeno 24 mesi continuativi. ISEE inferiore ai 6mila euro.

Come si accede: La domanda di tale beneficio si può presentare presso le Unità Operative Territoriali del Servizio Sociale dei Comuni  > vai a Sedi e contatti

Quanto costa: il servizio è gratuito. 

> per maggiori informazioni vai al sito della Regione FVG

 

SERVIZI DI MEDIAZIONE CULTURALE


Cos'è:
garantisce un servizio di mediazione lingustico-culturale e l'attivazione di laboratori su specifiche tematiche di rilevanza per il gruppo di intressati relative al loro territorio;
Cosa offre: il servizio ha finalità di accompagnamento degli utenti, consulenza, mediazione ed affiancamento nella gestione della casistica rivolta;
A chi si rivolge: ai cittadini italiani e stranieri del territorio;
Come si accede: mediante domanda presso il Servizio Sociale Territoriale del Comune di residenza, con conseguente valutazione da parte del Servizio dell’opportunità e appropriatezza dell’intervento;
Quanto costa: il servizio è gratuito.

S.P.R.A.R. (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati)


Cos'è:
un progetto territoriale per l'accoglienza, l'integrazione e la tutela di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale svolto su incarico dell'Ambito dalla cooperativa Nuovi Vicini Onlus;
Cosa offre: nel percorso della presa in carico (della durata massima di 6 mesi) i beneficiari vengono accompagnati, dalla prima accoglienza all'acquisizione dell'autonomia lavorativa e abitativa;
A chi si rivolge: a singoli e famiglie, richiedenti asilo politico, rifugiati e beneficiari di protezione sussidiaria e umanitaria, da poco arrivati in Italia.;
Come si accede: mediante domanda presso il Servizio Sociale Territoriale del Comune di residenza, con conseguente valutazione da parte del Servizio dell’opportunità e appropriatezza dell’intervento;
Quanto costa: il servizio è gratuito.